martedì 22 luglio 2014

Ciarlando allegramente di... #8

Ho terminato la lettura di Se ti abbraccio non aver paura di Fulvio Ervas da eoni. E dire, poi, che l'ho praticamente divorato quindi non avrei dovuto riscontrare particolari problemi nel parlarvene. E invece... Invece la mia vita mi è sfuggita un attimo di mano ultimamente. In sostanza non ho più il tempo di fare nulla, nemmeno leggere. Ho iniziato Gli eroi imperfetti di Stefano Sgambati l'1 luglio e l'ho terminato da poco, vogliamo parlarne? Per non nominare nemmeno la tragica situazione del mio fegato se continuo a mangiare fuori con questa frequenza. E quindi, vabbè, questa non è certamente la sede giusta per parlare della mia giornata tipo.
Comunque, andiamo con ordine, parliamo di un libro per volta. Parto dal libro che mi ha scossa di meno, di cui è decisamente più semplice parlare.

Se ti abbraccio non aver paura è un diario che racconta il viaggio in America di Franco e Andrea, padre e
figlio. Non racconterebbe una storia veramente degna di nota se non fosse che Andrea è un ragazzo affetto da autismo. Il romanzo (ma si potrà poi considerare un romanzo?) racconta non solo il viaggio, intrapreso in parte a cavallo di una moto, dall'Italia agli Stati Uniti, ma anche e soprattutto di quali sentimenti e quali emozioni leghino l'animo puro di Andrea alla forte personalità di Franco. Una storia molto dolce la narrazione della quale è intervallata da alcune parti di conversazioni scritte realmente da Franco e Andrea.
Incredibile come il mondo sia visto attraverso gli occhi di un adolescente autistico che accosta l'aggettivo "bello" a situazioni e contesti realmente differenti tra loro. Incredibile perché mostra al lettore quanto l'autismo amplifichi le emozioni e le renda uniche, indimenticabili.
Il tema dell'autismo è trattato in maniera poco approfondita, probabilmente perché lo scopo del romanzo non è informare il lettore dei lati negativi della malattia, ma mostrarne invece i lati positivi, quelli che fanno di Andrea un ragazzo dolcissimo e a suo modo romantico. Un romanticismo e una purezza d'animo che, senza esagerare, definirei ottocentesca.
La vicenda è narrata con uno stile molto semplice, oserei dire colloquiale. Non ho letto altro di Ervas, quindi non posso esprimermi circa il suo modo di scrivere. Non so, in effetti, se lo stile così semplice ed elementare sia da considerarsi tipico dell'autore o semplicemente voluto per rendere questa meravigliosa storia alla portata di tutti. Certo è che, grazie a questo romanzo dalle tinte tenui e dai colori pastello, la Marcos y Marcos mi ha incuriosita: leggerò sicuramente altro di Ervas.
Un viaggio tenero e leggero, da leggere su una panchina al parco.


E adesso veniamo a noi, a quel Gli eroi imperfetti di Stefano Sgambati che ci ho messo così tanto tempo a terminare. Non ho impiegato ventidue giorni per terminarlo perché si tratta di una lettura brutta, sgradevole o complessa. Anzi. In verità mi è piaciuto e manco poco. Il problema è che si tratta di un libro intenso. Non mi viene in mente nessun altro termine da poter accostare al modo di narrare di Stefano. Intenso. Sì, intenso è la parola che meglio si addice non solo alla storia che Stefano ci racconta, ma anche al modo che ha di farlo.
Gli eroi imperfetti è la storia di Corrado e Carmen, di Irene e Gaspare, di Irene e se stessa, di Irene e Matteo. Ma anche di Matteo e Corrado, di Matteo, Irene e la vita. E di Corrado e la vita. Ma non la vita di ogni giorno, la vita qualunque, quel susseguirsi di mesi, giorni, ore e minuti che tutti viviamo ogni giorno. È la storia della vita per come la viviamo. Strano da recensire, un libro così. Le cui parole ti si appiccicano addosso, che non vanno via nemmeno sfregando, nemmeno dopo innumerevoli docce, nemmeno dopo un bagno con acqua e bicarbonato. Sono invasive, persistente. Ed è un aspetto che, quando si palesa nel libro che sto leggendo, apprezzo davvero molto. Il linguaggio de Gli eroi imperfetti ha questa capacità di attaccarsi, come un adesivo dalla colla particolarmente resistente, come il mastice, come la colla a caldo, che difficilmente si riesce a dimenticare una volta terminata la lettura del romanzo. Stefano Sgambati spara le parole con la pistola per la colla a caldo e queste restano lì, incollate alla tua schiena, al tuo petto, alle tue mani, senza che tu riesca a scollarle via. Intenso e persistente, decisamente le parole che più si adattano al romanzo, all'autore, allo stile.
Difficile leggere questo romanzo e rimanere indifferenti. Perché l'autore non descrive, ma disegna i personaggi. Sì, esatto, disegna i personaggi. Ce ne offre uno schizzo stilizzato all'inizio del romanzo, per poi definirne i contorni e i colori strada facendo.  
Gli eroi che popolano questo romanzo non vivono una vita straordinaria, non sono dotati di particolari doti o di capacità fuori dal normale. C'è Matteo, il libraio che ha la sfortuna di innamorarsi della ragazza sbagliata, c'è Corrado, il cui amore per la moglie, Carmen, sta ormai cedendo il posto all'abitudine, c'è Gaspare, un uomo dai modi tanto garbati quando sinistri e poi c'è Irene, la ragazza imperfetta. Irene è, sicuramente, il personaggio che mi ha colpita di più. Una ragazza dal passato difficile che, nonostante gli anni passati, subisce ancora le conseguenze della scomparsa della madre, morta in circostanze poco chiare. Un fantasma, quello della madre di Irene, che condizionerà le vite di tutti e non solo quella di Irene. In fondo, tutto ruota attorno a lei, un personaggio che affascina e incuriosisce e non lo fa solo con Matteo ma anche con il lettore che, proprio come lui, si ritrova  in breve tempo catapultato nel vortice delle sue sensazioni, delle sue emozioni così turbolente, così violente e passionali. Questa violenza, questa passionalità dell'animo di Irene,  Stefano riesce a trasmetterla molto bene grazie all'alternarsi non solo dei punti di vista dei protagonisti ma grazie, soprattutto, a quelle conversazioni – in verità spesso monologhi  che Irene intraprende con la sua psicoterapeuta. È questo, forse, che rende Gli eroi imperfetti un romanzo difficile da dimenticare e di cui, invero, è difficile anche parlare. 

4 commenti:

  1. Leggiucchiato in libreria. Sapevo di doverlo prendere!
    Rimedierò al più presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo prendi, poi voglio sapere cosa ne pensi. Ovviamente :D

      Elimina
  2. Stefano Sgambati23 luglio 2014 10:35

    Grazie mille per le belle e accorate e gentili parole.
    Auguro buona lettura a chiunque lo leggerà.
    Ancora grazie :)
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefano, che piacere leggerti :) È sempre strano parlare con qualcuno di cui si è letto il libro... Perché, in fondo, è come se ti avessi già visto dentro prima ancora di averti visto da fuori. Strano, sì, ma bello. Non vedo l'ora di conoscerti ^^

      Elimina